Ci sono sempre nuove terminologie e sigle che sembrano inventate apposta per far sembrare obsoleto e più difficile quello che si pensava di sapere già da tempo: SEO e SEM ne sono un esempio. Ormai in ogni settore imperano neologismi e inglesismi, ma, spesso nella sostanza si parla sempre della stessa cosa, niente paura, basta solo darsi da fare! Nessuno regala nulla, non fanno eccezione i motori di ricerca, anzi, cercando di imbrogliare inserendo tante parole chiave inutili come molti facevano negli anni scorsi, non si farà altro che peggiorare la situazione.

seo-sea-semPer cominciare penso sia d’obbligo spiegare almeno cosa vuol dire l’acronimo inglese S.E.O: “Search Engine Optimisation”  in italiano: “Ottimizzazione sui motori di ricerca” ovvero, secondo la mia esperienza diretta, le attività che un web master o comunque l’amministratore di un website deve innescare verso e sui motori di ricerca allo scopo di migliorare il posizionamento dei contenuti sulle pagine dei risultati (SERP) fornite dai motori di ricerca in corrispondenza delle parole che abbiamo chiesto di cercare.
In questi anni però è nato anche un altro termine per complicare un pochino le cose: SEM (Search Engine Marketing) che vede invece la separazione delle attività di web marketing fatte per aumentare la visibilità e la rintracciabilità di un sito web attraverso i motori di ricerca e valutarne i ritorni con i vari tools di web analysis che i motori mettono a disposizione. Addirittura ci sono delle figure professionali diverse che si occupano rispettivamente di SEO e di SEM.
Il SEO Specialist si occupa dell’ottimizzazione base di un sito, la presentazione al motore delle sue singole pagine, degli altri contenuti come le immagini, i link, ecc..
Mentre il SEM Specialist è un consulente che lavora sull’ottimizzazione e il posizionamento degli elementi esterni al sito, come le campagne Google AdWords (di cui parlemo più avanti), i vari Social, di gestire campagne di webmarketing, ecc..
Tutto questo è molto molto interessante, ma per tornare al titolo di questo post, è facile capire come sia del tutto inutile essere esperti di una o dell’altra disciplina se non si conosce anche quello che sta facendo l’altro esperto.
In parole povere se non stiamo lavorando per “Accenture” una delle più grandi webagency al mondo, molto probabilmente distinguere e separare queste due “specialità” non farà altro che creare ancora più confusione a noi e ai nostri clienti, infatti perchè tutto funzioni devono esistere per forza entrambe, ossia se si vuole che funzioni il SEM ci deve essere prima il SEO, ma se si vuole che il lavoro fatto per il SEO si mantenga e migliori invece di svanire quando lasciamo per troppo tempo il nostro sito in un limbo digitale abbandonato a se stesso, serve fare SEM. Alla fine è tutto Web Marketing e basta, non parliamo nemmeno di SMA, di SMO e di SEA!