Non è una lavoro che conosce un commerciale, un architetto, un fotografo e nemmeno un grafico, ma solo un pubblicitario professionista ed esperto in comunicazione di marketing.

Il consulente pubblicitario, o anche, consulente di comunicazione pubblicitaria (in inglese advertising consultant) fa riferimento ad un professionista che ha alle spalle esperienza di branding, comunicazione e marketing, ma non è solo predisposto per relazioni di tipo commerciale, necessita anche di una mentalità creativa e capacità relazionali. In sostanza, aiuta le aziende a sviluppare una strategia pubblicitaria efficace per promuovere prodotti o servizi.

Le sue mansioni spaziano come project manager, nella gestione delle necessità di comunicazione del cliente, tramite un iniziale benchmarking, sviluppa una strategia di comunicazione integrata di marketing  basata su un concept creativo, e solo successivamente aiuta l’impresa sulla scelta dei media adatti, creando avvisi pubblicitari e gli strumenti migliori per divulgarli.

L’incontro con il cliente è in genere il primo passo che un consulente pubblicitario deve affrontare prima di ogni progetto. Durante questa prima consultazione, discuterà le informazioni sui prodotti del cliente o dei suoi servizi, i suoi obiettivi pubblicitari e il suo budget. E ‘importante per il consulente ottenere una chiara comprensione di questi dettagli in modo che possa definire una strategia ottimale di marketing.

Successivamente si effettua una ricerca di mercato del settore merceologico e sul target di riferimento. Ad esempio, se il cliente è un’azienda nel ramo dei detersivi, bisognerà subito evidenziare se i prodotti sono rivolti al settore trade o invece a quello consumer, questo per stabilire l’impostazione dell’eventuale campagna e i canali di promozione più adatti per raggiungere in modo efficace i potenziali clienti. Entrambi questi fattori base determinano la strategia di marketing che il consulente impiega.
Dopo aver sviluppato un concept creativo, il consulente pubblicitario a questo punto prepara dei layout con alcune idee realistiche, declinando il tutto all’utilizzo dei diversi supporti, ad esempio: bozze per l’uscita su una testata specifica di settore, o una landing page sul sito web collegato ai prodotti, crea riferimenti incrociati sui vari social media, prepara idee per la pubblicità on-line con banner e google adwords, usa strategia di vendite promozionali, ipotizza spot televisivi, ecc…

Il consulente pubblicitario una volta che avrà messo a punto il progetto, svilupperà una ipotesi di piano di comunicazione e farà la sua presentazione ai vertici aziendali, spiegando i risultati delle sue ricerche di mercato e i motivi che lo hanno portato alla sua strategia pubblicitaria, successivamente il CEO insieme al reparto marketing interno, dovranno dare l’ok per la conferma del lavoro.

http://it.wikipedia.org/wiki/Consulente_pubblicitario

Articoli correlati:
Advertising come lavora un marchio IMC